Morelli Amministrazione Immobili https://www.morelliamministrazioneimmobili.it Sito web - Morelli Amministrazione Immobili Fri, 17 Jul 2020 21:26:17 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.5.1 Nomina, revoca e dimissioni dell’amministratore condominialehttps://www.morelliamministrazioneimmobili.it/nomina-revoca-e-dimissioni-dellamministratore-condominiale/ Fri, 17 Jul 2020 21:26:16 +0000 https://www.morelliamministrazioneimmobili.it/?p=15186 Oggi cercheremo di chiarire gli aspetti che regolano nomina, revoca e dimissioni dell’amministratore condominiale. Innanzitutto ci sono dei requisiti da rispettare per ricoprire questo ruolo?

Come funzionano la sua nomina e la revoca? E cosa succede se è l’amministratore stesso a rassegnare le dimissioni?

Requisiti minimi ed evoluzione del ruolo di amministratore

Ci è ormai chiaro quanto, in un condominio, il ruolo dell’amministratore sia fondamentale. E lo è sempre di più nella società odierna. Se un tempo, infatti, bastava che avesse delle buone doti da ragioniere e un minimo di capacità diplomatiche per interfacciarsi coi condomini, oggi ci sono tanti altri aspetti da curare.

A partire dalle norme di sicurezza degli impianti, che si sono fatte via via più stringenti nel corso degli anni e di cui l’amministratore è responsabile. Motivo per cui se, in passato, era frequente che a ricoprire l’incarico fosse uno dei condomini stessi, semplicemente perché dotato di sufficiente volontà e tempo libero, la tendenza attuale è quella di affidarsi a professionisti della gestione condominiale.

Ma esistono dei requisiti di legge da rispettare per ricoprire il ruolo di amministratore? L’Art. 71bis disp.att. del c.c. ne individua alcuni, tra cui l’essere soggetto cui è riconosciuto il pieno godimento dei propri diritti civili e politici (cosa che non vale, ad esempio, per chi è sotto condanna giudiziaria, per un minore o per chi non ha cittadinanza italiana) e il conseguimento del diploma di scuola secondaria superiore.

Il Decreto Ministeriale n.140/2014 fissa, inoltre, l’obbligo di aggiornarsi costantemente frequentando corsi attinenti alla gestione condominiale. In molti casi, poi, il ruolo di amministratore è affidato a uno studio, anziché ad una persona fisica. 

Nomina dell’amministratore condominiale

Chiariti gli aspetti che riguardano i requisiti richiesti per il ruolo di amministratore condominiale, veniamo alla sua nomina. Cosa dice la legge in proposito? Intanto, l’articolo 1129 del Codice Civile fa una prima distinzione basata sul numero di condomini:

  • meno di nove condomini: i partecipanti (che possono essere anche soltanto due, ovvero i cosiddetti “condomini minimi”) possono provvedere autonomamente alla gestione;
  • nove o più condomini: il ruolo di amministratore deve essere attribuito per incarico tramite assemblea condominiale.

In questo secondo caso, l’articolo 1136 del Codice Civile individua nel voto espresso da una maggioranza rappresentante almeno la metà del valore millesimale dell’edificio la condizione necessaria a legittimare la decisione dell’assemblea.

Quando l’assemblea non riesce a nominare l’amministratore

Cosa succede, invece, se l’assemblea non riesce a nominare l’amministratore? Si tratta di un’eventualità meno rara di quanto si possa pensare. Capita, infatti, che nonostante l’affidamento dell’incarico sia all’ordine del giorno, non si riesca a raggiungere il numero minimo di partecipanti richiesto.

Condizione che potrebbe ripetersi anche a seguito di diverse convocazioni. In questo caso, sempre l’articolo 1129 del Codice Civile chiarisce che l’amministratore può essere imposto dall’autorità giudiziaria a seguito di ricorso da parte di uno o più condomini o anche dell’amministratore stesso, se dimissionario.

Per autorità giudiziaria si intende il Presidente del Tribunale del luogo in cui si trova l’immobile, come definito dall’Articolo 59 delle disposizioni di attuazione del Codice Civile.

Revoca e rinnovo del mandato

Veniamo ora alla revoca e al rinnovo del mandato dell’amministratore condominiale. Come già visto nell’articolo su come revocare l’amministratore condominiale, dal momento della nomina l’amministratore resta in carica per dodici mesi.

La legge di riferimento, ovvero l’articolo 1138 del Codice Civile, dice inoltre che l’incarico si intende rinnovato per egual durata. All’assemblea condominiale, tuttavia, è riconosciuta la facoltà di poter revocare in ogni momento il mandato all’amministratore in carica.

In tutti i casi nei quali viene meno il rapporto di fiducia tra l’amministratore e i condomini, questi ultimi possono infatti decidere di interrompere il mandato prima della sua naturale scadenza. Per farlo occorre il voto della maggioranza dei partecipanti all’assemblea, che rappresentino almeno la metà del valore millesimale dell’immobile.

Revoca per gravi irregolarità

La revoca dell’incarico può però avvenire anche attraverso una modalità decisamente più “traumatica”, ovvero per via giudiziaria.

Succede qualora l’amministratore commetta gravi irregolarità nella gestione, come non applicare quanto deliberato dall’assemblea o non provvedere al pagamento dei debiti del condominio verso terzi, con conseguenti disservizi (ad esempio, il distacco della luce nelle parti comuni a causa di bollette non pagate).

Sono circostanze che, come definito dall’articolo 1131 del Codice Civile, consentono a qualsiasi condomino di avviare un’azione legale per rimuovere l’amministratore dal suo incarico.

Rinnovo dell’incarico e quorum di maggioranza

Al netto di revoche, cosa succede invece quando il mandato dell’amministratore in carica arriva alla sua naturale scadenza? In questo caso spetta sempre all’assemblea decidere se rinnovarlo.

La modalità prevista è sempre il voto della maggioranza dei partecipanti, in rappresentanza di almeno la metà della proprietà millesimale dell’edificio. Varie sentenze di legge susseguitesi negli ultimi anni (come la n.279 del 6 marzo 2012 del Tribunale di Brindisi) hanno confermato questo orientamento.

Il rinnovo del mandato viene, di fatto, equiparato alla nomina. Diversamente, in passato, si tendeva a considerare il rinnovo come atto distinto e per il quale era sufficiente il quorum di un terzo della proprietà in millesimi dell’immobile.

Quando è l’amministratore a dimettersi

Veniamo alla situazione in cui è l’amministratore stesso a voler rassegnare le dimissioni dall’incarico. Innanzitutto, la decisione può essere comunicata a voce, nel corso dell’assemblea, oppure per iscritto, mediante raccomandata con avviso di ricezione, indirizzata a tutti i condomini.

In ogni caso, devono essere specificate le ragioni della rinuncia all’incarico. A fronte di questo, l’assemblea non può che prenderne atto e accettare le dimissioni, provvedendo quindi a una successiva convocazione per individuare il nuovo amministratore. Nel lasso di tempo tra le dimissioni e la nomina del suo successore, lamministratore uscente è tenuto a continuare a garantire la gestione del condominio ad interim, sulla base del principio “prorogatio imperii”.

Questo istituto di legge vale non solo nel caso di dimissioni o finché non si perviene al rinnovo del mandato, ma anche qualora la delibera assembleare di affidamento dell’incarico dovesse essere ritenuta illegittima. Può succedere, ad esempio, in seguito all’azione legale di un condomino che dovesse contestare l’elezione dell’amministratore per un vizio di forma o perché non è stata raggiunta la maggioranza prevista dalla legge.

Anche se il giudice dovesse dare ragione al ricorrente, fintanto che non si arriva a eleggere un nuovo amministratore, quello illegittimamente designato resterebbe autorizzato a occuparsi della gestione ordinaria del condominio.

L’unica via per cui il soggetto dimissionario può sottrarsi a quest’onere è, come detto in precedenza, il ricorso all’autorità giudiziaria, rimandando al Presidente del Tribunale la nomina di un amministratore temporaneo.

L’obbligo del passaggio di consegne al nuovo amministratore

Quando si arriva, invece, alla legittima elezione di un nuovo amministratore, quello uscente è tenuto a consegnargli tutta la documentazione riferita alla gestione del condominio.

Questa procedura è sancita come obbligo dall’articolo 1129 del Codice Civile, dov’è previsto che sia documentata attraverso la stesura del cosiddetto “verbale di consegne”.

Nel caso l’amministratore uscente dovesse sottrarsi a quest’obbligo, ci si può rivolgere all’autorità giudiziaria, chiedendo un provvedimento d’urgenza, come da Art. 700 del Codice di Procedura Civile.

Homepage Blog

Soddisfatto del tuo Amministratore di Condominio?

Valuta il suo modo di operare, richiedi una consulenza ti aiuteremo a capire eventuali irregolarità nella gestione.
]]>
Gravi difetti di costruzione degli edificihttps://www.morelliamministrazioneimmobili.it/gravi-difetti-di-costruzione-degli-edifici/ Fri, 10 Jul 2020 14:42:50 +0000 https://www.morelliamministrazioneimmobili.it/?p=15181 Parliamo oggi di gravi difetti di costruzione degli edifici e delle responsabilità del costruttore. Le casistiche in questo senso possono essere tante. Tra i gravi difetti rientrano infatti, come vedremo, non solo problemi relativi alla stabilità e alla sicurezza dell’edificio, ma anche infiltrazioni d’acqua o muri che fanno la muffa perché non adeguatamente isolati, solo per citare due esempi.

Quando possiamo legittimamente rivalerci nei confronti della ditta costruttrice dello stabile in cui viviamo? Quali sono i casi in cui possiamo ottenere un risarcimento?

La norma di riferimento

Iniziamo col dire che, quando si parla di gravi difetti di costruzione degli edifici, il riferimento di legge è l’ex Art. 1669 del Codice Civile.

Qui è sancito il principio per cui sono da considerarsi “gravi difetti” tutti quelli che impediscono o alterano il godimento del bene nella sua globalità, in funzione anche della sua natura e in considerazione di elementi quale il valore economico e la durata nel tempo.

L’ispirazione di base è quella di garantire l’incolumità e la sicurezza di chi è destinato a godere di questi beni – nel caso di un condominio, quindi, i condomini – ma il concetto va oltre.

Se ne deduce già, infatti, che non si fa riferimento solo a difetti che pregiudicano la stabilità dell’edificio, come avremo modo di vedere di seguito. 

Lo spunto di una recente sentenza

A fornirci lo spunto per capire quali possono essere considerati gravi difetti di costruzione degli edifici ci sono le sentenze pronunciate relativamente a vari casi verificatisi nel corso degli anni.

A partire dalla recente sentenza n. 492/2020, con cui la Corte d’Appello di Milano ha condannato un ditta appaltatrice al risarcimento di circa 63 mila euro nei confronti del condominio di cui aveva edificato lo stabile. La sentenza in oggetto è arrivata a seguito del ricorso della ditta stessa contro la condanna già pronunciata in primo grado.

Il ricorrente contestava, in particolare, quelli che erano stati classificati come “gravi vizi” di costruzione/progettazione. Tra le criticità segnalate dal condominio rientravano:

  • le chiazze di umidità e le muffe formatesi sui muri dell’area box a causa di infiltrazioni d’acqua;
  • i ristagni d’acqua nei pressi dell’area di accesso all’edificio;
  • le esalazioni moleste provenienti dal locale rifiuti;
  • difetti nella realizzazione dell’impianto fognario, con conseguenti ripercussioni anche sulle opere di manutenzione necessarie.

Il costruttore contestava proprio il fatto che si trattasse di problematiche classificabili come “gravi difetti”.

Soddisfatto del tuo Amministratore di Condominio?

Valuta il suo modo di operare, richiedi una consulenza ti aiuteremo a capire eventuali irregolarità nella gestione.

La responsabilità del costruttore

La sentenza n. 492/2020 della Corte d’Appello di Milano ha invece respinto la tesi che quelli sopraelencati non fossero da considerare come “gravi difetti” imputabili al costruttore. La gravità è, invece, in tutto ciò che comporta l’impossibilità di godere appieno del bene e quindi, nel caso dell’umidità e delle muffe sui muri dell’area box, il prematuro degrado cui sono andati incontro.

A seguito di rilievi tecnici, è stato infatti riconosciuto che la formazione delle muffe era dovuta all’umidità formatasi a causa di un non adeguato isolamento termico, piuttosto che alla naturale azione del tempo e degli elementi atmosferici.

Persino i ristagni d’acqua nei pressi dell’accesso al condominio sono stati riconosciuti quali gravi difetti di costruzione in quanto facevano venire meno la funzione della pavimentazione esterna, ovvero quella di strato isolante dal terreno che dovrebbe agevolare il passaggio delle persone.

Tutti motivi che hanno portato alla conferma della sentenza di primo grado e alla condanna al pagamento della ditta appaltatrice nei confronti del condominio.

Le sentenze che confermano il riconoscimento di “grave difetto”

In definitiva, i gravi difetti di costruzione sono tutte quelle criticità che riguardano le parti comuni di un immobile e che possono creare un impedimento o un danno, anche di natura economica, ai condomini.

Cosa che, del resto, trova conferma anche in altre sentenze, non a caso richiamate anche quella portata sopra ad esempio nel motivare la sua deliberazione.

A partire dalla sentenza di Cassazione n. 19868/2009, in cui sono qualificati come gravi difetti “quelle alterazioni che, in modo apprezzabile, riducono il godimento del bene nella sua globalità“, per finire con la n.1982/4369 (sempre pronunciata dalla Corte di Cassazione), dove se ne parla come apprezzabile menomazione del godimento dell’opera da parte di chi ha diritto di usarne (Cass. n. 1982/4369).

Homepage Blog

]]>
Diritto al gioco in spazi condominialihttps://www.morelliamministrazioneimmobili.it/diritto-al-gioco-in-spazi-condominiali/ Fri, 03 Jul 2020 13:52:53 +0000 https://www.morelliamministrazioneimmobili.it/?p=15175 La questione del diritto al gioco in spazi condominiali non è cosa di poco conto. Quanti problemi di convivenza tra condomini sono, infatti, causati da questioni riguardanti i bambini e il loro giocare in cortile?

Una pallonata che danneggia un’auto parcheggiata o i fiori di un’aiuola o i semplici schiamazzi che disturbano la quiete altrui sono, in questo senso, tra i casi più tipici.

Eppure il diritto al gioco dei bambini è riconosciuto a livello internazionale e tutelato anche da alcuni regolamenti comunali. Come conciliare questo diritto con quello di un condomino alla propria quiete domestica? Cerchiamo di capirlo insieme, nell’articolo di seguito.

Il diritto al gioco dei bambini

Parlando di diritto al gioco in spazi condominiali, partiamo dal citare la Convenzione Internazionale di New York del 1989. Qui è stato riconosciuto il diritto al gioco del fanciullo come elemento fondamentale per la crescita, in quanto libera e piena espressione della sua personalità. Il concetto è stato ratificato anche a livello nazionale, attraverso la Legge N.176 del 1991.

A rimarcare il concetto ci sono poi alcuni regolamenti comunali, come quello di Milano, promosso anche attraverso lo slogan “vietato vietare”, già citato in un precedente articolo. O, ancora, quello del comune di Rimini, dove è detto che il gioco dei bambini deve essere consentito in tutti gli spazi, come giardini e cortili delle abitazioni private, “fatte salve le fasce orarie di tutela della quiete e del riposo stabilite nei regolamenti condominiali”. Qui addirittura si va oltre, specificando che queste fasce orarie di giorno non possono ammontare a più di quattro ore.

Alcune domande però sorgono spontanee proprio da quest’ultimo esempio: come si concilia una simile disposizione con il regolamento condominiale? In una proprietà privata e impedita all’accesso pubblico come un condominio, prevale il regolamento condominiale o la disposizione di legge?

Districarsi tra le norme

Il tema non è di così facile e lineare risoluzione. Di certo, un riferimento è l’articolo 1102 del Codice Civile, dov’è scritto che ciascun condomino può usufruire delle parti comuni a patto di non alterarne la destinazione d’uso e di non impedirne agli altri l’accesso o il diritto di goderne allo stesso modo.

E’ chiaro che quando parliamo di diritto al gioco in spazi condominiali, ci riferiamo a parti comuni, come possono essere il giardino, il cortile o uno spazio aperto interno alla proprietà. Se un’area è adibita a parcheggio per le auto o a giardino con aiuole fiorite o altre coltivazioni, l’utilizzo per un’attività ricreativa come giocare a pallone può essere legittimamente contestato come alterazione della destinazione d’uso. Facile, infatti, che la natura del gioco possa portare al danneggiamento di piante e fiori o delle auto parcheggiate.

Al contrario, altre attività, come giocare a racchettoni o a nascondino, possono essere considerate meno a rischio e quindi consentite. Già da qui si capisce, tuttavia, come sia difficile disciplinare certe situazioni.

Soddisfatto del tuo Amministratore di Condominio?

Valuta il suo modo di operare, richiedi una consulenza ti aiuteremo a capire eventuali irregolarità nella gestione.

Area giochi in condominio: chi decide?

Vediamo però un caso concreto in cui gli articoli di legge possono essere riferimento riguardo il diritto al gioco in spazi condominiali. Un condomino che volesse installare di sua iniziativa un’altalena nel cortile sarebbe autorizzato a farlo o dovrebbe chiedere il permesso all’assemblea? In base al sopracitato articolo 1102 del Codice Civile potrebbe procedere di sua iniziativa, a patto però che il cortile sia abbastanza grande da permettere ipoteticamente a tutti gli altri condomini di fare altrettanto.

Solo in questo modo, infatti, sarebbe garantito il principio del pari godimento della cosa comune, quindi non ci sarebbe bisogno di avere il consenso dell’assemblea. Consenso che, invece, diviene obbligatorio, qualora uno o più condomini volesse realizzare un’area giochi per i propri figli. Si parla in questo caso di “innovazione voluttuaria”, ovvero legata a esigenze non considerate strettamente necessarie, ma che possono dare piacere o appagamento.

Trattandosi comunque di qualcosa che porta un valore aggiunto al condominio (un’area giochi attrezzata in luogo di uno spazio vuoto lo è), rientrerebbe in quelle che l’ex articolo 1120 del Codice Civile inquadra come “innovazioni”. Per procedere, ci vuole il voto favorevole della maggioranza dei partecipanti, che rappresentino almeno la metà del valore millesimale dell’edificio.

Il fatto che si tratti di una “innovazione voluttuaria”, tuttavia, esonera chi eventualmente non fosse interessato dal partecipare alle spese di installazione.

La manutenzione è a carico di tutti i condomini

Se una parte dei condomini può essere legittimamente esonerata dalla partecipazione alle spese di installazione di un’area giochi, lo stesso non vale per quelle di manutenzione. La corretta conservazione delle parti comuni dell’edificio riguarda, infatti, tutti i condomini, indipendentemente da quanto ne facciano utilizzo.

Una volta realizzata un’area giochi, questa diventa bene comune, che contribuisce anche al valore complessivo dell’immobile, e quindi riguarda chiunque viva nel condominio.

I vincoli del regolamento condominiale

Un ultimo aspetto da tenere in considerazione parlando di diritto al gioco in spazi condominiali sono gli eventuali vincoli imposti dal regolamento. Come sancito dall’articolo 1138 del Codice Civile, infatti, l’uso delle parti comuni è disciplinato dal regolamento condominiale, sia contrattuale che assembleare.

Qui possono essere definite, ad esempio, le fasce orarie in cui è vietato giocare in cortile. Ma soprattutto può essere stabilito che un certo spazio condominiale debba essere adibito a uno specifico uso. In questo caso, se si tratta di un’area che si decide di destinare a parcheggio auto, si esclude automaticamente che possa prestarsi ad area giochi.

A meno di non modificare il regolamento stesso in sede di assemblea. Cosa che, per il regolamento contrattuale, richiede l’unanimità dei consensi.

Homepage Blog

]]>
5 regole per organizzare il tuo trasloco, facile e senza stresshttps://www.morelliamministrazioneimmobili.it/consigli-organizzare-trasloco/ Fri, 26 Jun 2020 17:58:37 +0000 https://www.morelliamministrazioneimmobili.it/?p=15172 Se vi state per trasferire in una nuova abitazione, è molto probabile non sapere bene da dove iniziare per avere tutto pronto! Come sempre, la chiave per una riuscita di successo è l’organizzazione. Per questo, crediamo che sia di fondamentale importanza preparare tutto in anticipo in modo da non riscontrare imprevisti dell’ultimo minuto. In questo articolo vi mostriamo le 5 regole da seguire per organizzare il tempo trasloco, in maniera facile e senza stress!

Regola numero 1: fare un inventario

In un’agenda fate una lista di tutto ciò che volete portare con voi durante il trasloco. Dividete i vostri affetti personali in gruppi, a seconda della stanza in cui verranno posizionati e nelle rispettive scatole per il trasloco. In questo modo potrete sia pianificare gli scatoloni che andranno nel camion che trovare senza stress i vostri beni una volta nella nuova casa.

Regola numero 2: fare le pulizie generali

Se ancora non avete visto Marie Kondo in azione, questo è il momento adatto per iniziare questa serie! Come viene spiegato, il primo passo per una riorganizzazione e’ eliminare il superfluo, ovvero tutto ciò che non usiamo, prima di entrare nella nuova casa. Anche se può essere complicato, è essenziale non saltare questo passaggio perché in questo modo si porta solo l’essenziale nella nuova casa.

Regola numero 3: Organizza il tuo trasloco

Una volta finite le pulizie generali, bisogna pensare ad organizzare gli scatoloni con gli oggetti da portare. Classificateli utilizzando delle lettere o dei numeri, e riempitele in base alla stanza in cui verranno posti gli oggetti così che la fase di disimballaggio sia più veloce ed efficace.

Il consiglio in più: Se avete mobili con cassetti, utilizzate di questo spazio extra! Nei cassetti si possono mettere cose non troppo pesanti e non troppo fragili, come lenzuola, asciugamani o vestiti. In questo modo, non avrete bisogno di un trasporto così grande.

Soddisfatto del tuo Amministratore di Condominio?

Valuta il suo modo di operare, richiedi una consulenza ti aiuteremo a capire eventuali irregolarità nella gestione.

Regola numero 4: Scegliere l’azienda di traslochi

Ci sono molte aziende che effettuano traslochi in Italia, anche se non tutte soddisfano le vostre esigenze o il vostro budget; trovate quella che sia più adatta a tutte le vostre esigenze e concordatevi per tempo in modo da poter effettuare il trasloco nel giorno e nell’ora che desiderate.

Una volta stabilito il giorno e l’ora in cui volete trasferirvi nella vostra nuova casa, e imballato tutto l’occorrente da mettere nel camion dei traslochi, non dovete far altro che rilassarvi! I traslocatori si occuperanno di portare tutti i vostri beni a destinazione senza imprevisti.

Regola numero 5: la fornitura di energia Infine, vi ricordiamo che nel momento del trasloco vi dovrete anche occupare della fornitura d’energia per la vostra nuova casa. Il primo step e assicurarsi che sia presente nel nuovo domicilio il contatore per luce e gas. Nel caso in cui questo mancasse, conviene organizzarsi per tempo per provvedere alla sua installazione e allaccio delle forniture. Non dimenticarti inoltre di disdire luce e gas nel tuo vecchio domicilio! In questo modo non rischierai di pagare doppiamente le bollette

Homepage Blog

]]>
Contributo ARERA per rinnovo impianti elettrici condominialihttps://www.morelliamministrazioneimmobili.it/contributo-arera-per-rinnovo-impianti-elettrici-condominiali/ Fri, 19 Jun 2020 15:13:00 +0000 https://www.morelliamministrazioneimmobili.it/?p=15167 Il contributo messo a disposizione da ARERA (Autorità per l’Energia e l’Ambiente) con Delibera del 12 novembre 2019 rappresenta un’importante spinta al rinnovo degli impianti elettrici condominiali.

Le cosiddette “colonne montanti verticali”, ovvero il fascio di cavi che percorre parti di condominio, collegando i contatori dei singoli utenti alla rete di distribuzione dell’energia, sono in molti casi datate e necessitano di ammodernamenti. Sia per supportare potenze maggiori, come l’uso sempre più massiccio di elettrodomestici richiede, sia per un discorso di sicurezza.

Abbiamo già parlato, in passato, dell’importanza di avere un impianto elettrico a norma, specie alla luce dei dati statistici, che (in riferimento al 2017) quantificano in circa 6000 all’anno il numero di incidenti di natura elettrica nelle abitazioni italiane. Andiamo dunque a vedere come funziona il contributo ARERA per il rinnovo degli impianti elettrici condominiali.

Ammodernare gli impianti elettrici condominiali

Fornire un incentivo al rinnovamento delle colonne montanti vetuste: questo lo scopo dell’iniziativa messa in campo da ARERA per il rinnovo degli impianti elettrici condominiali. Il patrimonio edilizio italiano, del resto, è costituito per il 65% da stabili risalenti a prima del 1976, con addirittura un 15% antecedente il 1918.

Viene dunque facile capire quanto sia importante promuovere una campagna di rinnovamento a tutto campo: dall’involucro esterno, come visto a proposito dei bonus facciate 2020, all’efficientamento energetico, con particolare riferimento agli impianti di riscaldamento, che in molte realtà condominiali sono ancora basati su vecchie caldaie a gasolio.

La delibera ARERA del 12 novembre 2019 stanzia risorse economiche destinate ai condomini con impianti elettrici risalenti a prima del 1970 e a quelli fino al 1985, se ritenuti critici.

Contributo ARERA: a quanto ammonta?

I contributi ARERA per il rinnovo degli impianti elettrici condominiali partono da una base che può variare dai 400 ai 600 euro per piano e dai 700 ai 900 euro per singola utenza, a seconda del tipo di finiture presenti e quindi del genere di intervento richiesto. Contributo che aumenta, in caso di centralizzazione di tutti i contatori in un unico locale, a 700-900 euro per piano e a 1200-1500 euro per singola utenza.

In questo caso viene considerata, infatti, sia la spesa per realizzare il collegamento tra la rete di distribuzione e il pannello dove vengono centralizzati i contatori, sia quella per portare i cavi dai contatori alle singole abitazioni.

Se questi rimborsi si riferiscono anche e soprattutto alle opere edili che questo tipo di interventi inevitabilmente comportano, è previsto un contributo prettamente legato ai cavi di distribuzione. L’ammontare è di 100 euro al metro, con limite massimo di 1500 euro, per il collegamento tra colonna montante e confine di proprietà.

Ricapitolando, ecco i contributi previsti nelle due casistiche principali:

  • 400-600 euro per piano e 700-900 euro per ogni utenza, più 100 euro al metro (con limite max 1500 euro) per i cavi da posare, nel caso di rinnovo dei collegamenti dalla colonna montante ai singoli contatori posti all’interno delle abitazioni;
  • 700-900 euro per piano e 1200-1500 euro per ogni utenza, più 100 euro al metro (con limite max 1500 euro) per i cavi da posare, nel caso di realizzazione di un pannello o locale di centralizzazione dei contatori.

Soddisfatto del tuo Amministratore di Condominio?

Valuta il suo modo di operare, richiedi una consulenza ti aiuteremo a capire eventuali irregolarità nella gestione.

Come richiedere e ottenere il contributo ARERA

Per beneficiare dei contributi ARERA per il rinnovo degli impianti elettrici condominiali, occorre innanzitutto che il condominio e il distributore di energia sottoscrivano un preventivo accordo su opere da realizzare e relativi costi.

La stessa ARERA ha fissato al 30 giugno 2020 il termine perché i vari operatori di energia elettrica presenti sul mercato predispongano un contratto-tipo da sottoporre ai condomini interessati al rinnovo dell’impianto elettrico. Un modo per regolare e rendere più agevoli i rapporti tra condominio e distributore di energia. Al condominio spetta poi l’obbligo di allegare alla richiesta tutta la documentazione riguardante le spese sostenute.

Fondamentale, in questo senso, il ruolo dell’amministratore. Nel caso di accettazione della domanda, infine, il rimborso potrà essere erogato direttamente dal distributore, mentre ARERA si riserva l’eventualità di effettuare controlli per verificare che i lavori siano stati effettivamente eseguiti come da documentazione.

Validità fino al 31 dicembre 2022

L’iniziativa di ARERA è a carattere sperimentale, come specificato nella delibera stessa. I contributi per il rinnovo degli impianti elettrici condominiali sono, infatti, previsti sino al 31 dicembre 2022.

Un arco di tempo triennale (2020-2022), che permetterà non solo di valutare l’impatto della campagna d’incentivi promossa, ma anche di effettuare un censimento sugli impianti elettrici condominiali a livello nazionale.

Contestualmente al piano di contributi economici descritto, ARERA ha infatti chiamato i vari operatori dell’energia a fornire dati per avere una fotografia della situazione. Saranno una base utile a stabilire se e come intervenire in futuro. 

L’efficienza energetica come scopo

I contributi ARERA per il rinnovo degli impianti elettrici condominiali sono dunque un’iniziativa che punta al doppio obiettivo di migliorare la sicurezza degli edifici e, al contempo, aprire le porte verso ammodernamenti che vadano nella direzione dell’efficientamento energetico.

La predisposizione di un nuovo impianto elettrico, infatti, può consentire alle singole utenze di attivare potenze contrattuali fino a 6kW. Un aspetto fondamentale per supportare impianti di riscaldamento moderni, come quelli a pompa di calore, e nuove tecnologie, quali i piani cottura con piastre a induzione.

Una spinta verso l’innovazione che, come visto ad esempio parlando di case intelligenti grazie alla domotica, può migliorare la qualità della vita sia all’interno degli appartamenti, sia – attraverso la riduzione di emissioni nocive nell’ambiente – dell’aria che respiriamo nelle nostre città.

Homepage Blog

]]>
EACondominio: un’App per le assemblee condominialihttps://www.morelliamministrazioneimmobili.it/eacondominio-app-per-assemblee/ Fri, 12 Jun 2020 15:17:00 +0000 https://www.morelliamministrazioneimmobili.it/?p=15161 E’ arrivata EACondominio, l’App per le assemblee condominiali. Qualcuno ne sarà già al corrente, data la campagna pubblicitaria lanciata in queste settimane. Si tratta di una novità messa a punto dall’azienda EdiliziAcrobatica SpA e sviluppata in collaborazione con la software house Dieffetech, compatibile sia con ambienti iOS che Android.

Lo scopo è, da un lato, fornire agli amministratori di condominio un comodo strumento per convocare e gestire le assemblee e, dall’altro, consentire a tutti i condomini di partecipare, anche se impossibilitati a essere fisicamente presenti.

Ma l’App EACondominio è uno strumento che va oltre e che si presta a essere un punto di riferimento per tutte le comunicazioni tra amministratore e condomini e tra i condomini stessi. Andiamo a conoscere più nel dettaglio cos’è e come funziona questa App EACondominio.

L’emergenza che detta l’esigenza

L’esigenza di un’App per le assemblee condominiali nasce dalle restrizioni governative imposte in seguito all’emergenza coronavirus.

In particolare, il DPCM dell’8 marzo 2020 vieta tutte le forme di assembramento che si prestano a potenziale occasione di contatto tra più persone e che possono, in questo modo, favorire il contagio.

Ma, come abbiamo visto in un precedente articolo riguardo le assemblee condominiali in videoconferenza, l’articolo 1 del Decreto stesso contempla la possibilità di ricorrere a soluzioni da remoto. Proprio in questo solco si inserisce l’App EACondominio.

Lo scopo: facilitare le comunicazioni tra amministratore e condomini

Fornire all’amministratore condominiale uno strumento unico con cui gestire le comunicazioni coi condomini: questo lo scopo che il software lanciato da EdiliziAcrobatica si prefigge. E’ dunque qualcosa di più di un’App per le assemblee condominiali. Scaricandola, infatti, ogni condomino potrà accedere con le credenziali fornitegli dall’amministratore e, dopo il primo accesso, sarà in grado di gestire autonomamente tutte le sue funzionalità.

Qui potrà aggiornare i suoi dati personali, tra cui l’indirizzo e-mail al quale ricevere le comunicazioni dell’amministratore. Troverà poi il calendario con gli appuntamenti, tra cui, appunto, le assemblee convocate. Anche quelle passate, di cui avrà modo di visualizzare il verbale e i documenti allegati nell’apposita sezione “archivio”.

Allo stesso modo, aprendo la pagina di un’assemblea ancora da svolgersi, potrà consultare eventuali preventivi di argomenti all’ordine del giorno, quali, ad esempio, interventi di manutenzione straordinaria o l’individuazione di una nuova impresa per la pulizia delle parti comuni. Il giorno dell’assemblea, poi, basterà cliccare sull’avviso in calendario per poter partecipare attivamente.

E nel caso di impossibilità a prendervi parte in maniera diretta, c’è l’opzione delega, con l’apposito modulo da compilare e inviare all’amministratore.

Come si svolge l’assemblea con l’App EACondominio

Ma veniamo all’assemblea: come funziona e come viene gestita? Ovviamente il ruolo centrale resta quello dell’amministratore, che deve provvedere a dare preventiva comunicazione circa data e ora di svolgimento a tutti i condomini.

Una volta che tutti i partecipanti, dopo aver effettuato il “login” con le proprie credenziali, sono collegati, sarà sempre cura dell’amministratore procedere rispettando i punti all’ordine del giorno e gestendo gli interventi. Quest’ultimo, in particolare, diventa aspetto ancora più delicato, dal momento che i partecipanti non sono fisicamente presenti nello stesso luogo.

L’accavallarsi degli interventi, con più voci che si parlano una sopra l’altra, unita alle limitazioni dovute alla qualità del collegamento, possono rendere il contesto ancora più caotico di quanto lo è già normalmente. I condomini, dal canto loro, avranno un’interfaccia video, dove poter visualizzare, di volta in volta, chi sta prendendo la parola e inserirsi nella discussione o restare semplicemente in ascolto attivando o disattivando il microfono.

Soddisfatto del tuo Amministratore di Condominio?

Valuta il suo modo di operare, richiedi una consulenza ti aiuteremo a capire eventuali irregolarità nella gestione.

Il limite della diffusione tecnologica

Per quanto sia uno strumento valido, l’App EACondominio si scontra con alcuni limiti. Primo fra tutti, la dimestichezza con le tecnologie digitali. Se per la maggior parte delle persone, infatti, lo smartphone è come un’estensione degli arti corporei e l’uso delle applicazioni è una costante che scandisce perfino il ritmo delle giornate, per altri si tratta di strumenti sconosciuti.

Questo potrebbe dunque rappresentare un problema, specie in contesti abitati da nuclei familiari costituiti prevalentemente da persone anziane o comunque non avvezze all’uso delle moderne tecnologie. Nonostante la pubblicità stessa dell’applicazione spinga molto sulla sua facilità di utilizzo, con uno spot televisivo che mostra, non a caso, un anziano che si districa agevolmente tra le funzionalità dello smartphone, l’amministratore dovrà valutare la possibilità del ricorso a questo tipo di soluzione anche in base al contesto.

Del resto, la gestione di comunicazioni e assemblee tramite EACondominio presuppone che tutti scarichino la App, cosa che non può certo essere imposta quale obbligo.

Assemblee miste: la soluzione del futuro?

In definitiva l’App EACondominio è indubbiamente uno strumento con tante potenzialità, che vanno al di là della particolarità del contesto storico in cui stiamo vivendo. Qualora, infatti, fosse ripristinata la modalità di convocare e svolgere assemblee in presenza, permetterebbe la partecipazione anche a chi non può esserci.

Una soluzione utile, quindi, per coloro che si trovano spesso fuori sede per motivi di lavoro o altro. Le “assemblee miste”, cioè con la contemporanea partecipazione di persone fisicamente presenti nel luogo di convocazione e altre collegate da remoto, sembrano davvero rappresentare un’inevitabile evoluzione per il futuro delle realtà condominiali.

L’applicazione EACondominio è scaricabile da Google Play e App Store, come indicato sul sito stesso, dove sono disponibili tutte le informazioni utili ad approfondire l’argomento.

Homepage Blog

]]>
Incidenti auto in spazi condominialihttps://www.morelliamministrazioneimmobili.it/incidenti-auto-in-spazi-condominiali/ Fri, 05 Jun 2020 20:03:12 +0000 https://www.morelliamministrazioneimmobili.it/?p=15156 Non è così raro che possano verificarsi incidenti auto in spazi condominiali, specie in quelli più popolosi. Le occasioni di contatto, mentre ad esempio un veicolo è in manovra per l’uscita dal parcheggio e un altro sopraggiunge dalla corsia dei box, sono tante e di conseguenza possono capitare scontri con danni a persone o cose.

E’ dunque legittimo chiedersi: gli incidenti d’auto in spazi condominiali sono regolati allo stesso modo di quelli che occorrono in strada? Le coperture assicurative sono sempre valide? Nel caso di incidente che coinvolga due o più conducenti, si deve dunque procedere con la constatazione amichevole? Cerchiamo oggi di fare chiarezza su questo punto.

Incidenti tra condomini: un’eventualità non così rara

Un’auto sta percorrendo la corsia dei box e, svoltando una curva, viene tamponata da un’altra che sta uscendo in retromarcia dal proprio parcheggio. L’auto di un condomino, durante le manovre per essere riposta nel box, va urtando una conduttura, danneggiandola o, peggio ancora, non si avvede di un altro condomino di passaggio e lo investe.

Sono tutte situazioni che possono accadere all’interno degli spazi condominiali e che, oltre a problemi di convivenza tra condomini, possono sfociare in contenziosi legali. Normalmente sono le compagnie assicurative a rispondere dei danni che vedono coinvolti veicoli, come automobili o ciclomotori, per i quali sussiste l’obbligo di circolazione solo se assicurati (come da Art. 1, Legge n. 990 del 24 dicembre 1969).

Ma la copertura di responsabilità civile (RC auto) vale anche nel caso di incidenti in proprietà private?

RC Auto: vale solo su aree a libero accesso

Il Decreto Legislativo 209/2005, noto anche come “Codice delle assicurazioni private”, chiarisce che le polizze RC auto valgono solo su strade pubbliche e aree ad esse equiparabili. Tra queste rientrano tutti quegli spazi aperti alla circolazione di un numero indeterminato di persone e mezzi. Ne sono esempi classici il parcheggio di un centro commerciale o l’area di una stazione di rifornimento carburante.

Lo stesso vale però anche per eventuali proprietà private senza limitazioni d’accesso fisiche, costituite cioè da barriere, cancelli o altri impedimenti. Qualunque incidente che vede coinvolti auto o altri mezzi per cui vige l’obbligo di assicurazione sono inquadrati come se accadessero su strada. Quindi la compagnia assicurativa risponderà per gli eventuali danni che l’assicurato ha causato a persone o cose.

Soddisfatto del tuo Amministratore di Condominio?

Valuta il suo modo di operare, richiedi una consulenza ti aiuteremo a capire eventuali irregolarità nella gestione.

Incidenti in aree private: chi paga?

Il discorso cambia però per le aree private, dove si accede solo tramite l’apertura di un cancello o di un altro sistema (barra, catena, pilomat). Queste sono considerate non aperte alla libera circolazione di mezzi e persone. Qui, infatti, l’accesso è consentito solo a una cerchia limitata e ben definita di soggetti. Nel caso specifico di un condominio: condomini, locatari e eventuali proprietari di box, posti auto o altre unità immobiliari inserite nel contesto, come negozi o uffici.

Cosa succede, dunque, se si verificano incidenti auto in spazi condominiali con accesso limitato? Di norma, l’assicurazione non è tenuta a rispondere dei danni provocati dal suo assicurato all’interno di questi spazi. La copertura RC auto non ha validità in simili contesti e questa è una complicazione non da poco. Specie in situazioni in cui la condotta di chi è alla guida dovesse causare danni seri a cose o, peggio ancora, persone.

La soluzione migliore sarebbe trovare un accordo tra le parti. Una sorta di constatazione amichevole verbale, in cui chi è responsabile di un eventuale incidente si premura di rispondere di tasca propria del danno procurato. Qualora fosse a carico di parti comuni del condominio, come ad esempio una conduttura o una porta d’accesso, questa diventerebbe materia per l’amministratore, che potrebbe disporre una perizia in modo da quantificare l’entità del danno stesso.

Estensione della copertura assicurativa alle aree private

Sappiamo bene, tuttavia, di vivere in un mondo imperfetto, fatto di isterie e di situazioni conflittuali sempre pronte a esplodere. Un suggerimento utile a prevenire eventuali contenziosi può essere quello di valutare una polizza assicurativa che preveda una copertura anche su aree private. Si tratta, in genere, di quelle opzioni aggiuntive che le compagnie permettono di inserire all’atto di stipula della polizza.

Opzione che normalmente non prendiamo nemmeno in considerazione, avendo un costo che va ad incidere sul premio finale da corrispondere. Varrebbe però la pena di considerarla, come suggerisce anche il CTCU (Centro Tutela Consumatori Utenti), ovviamente anche in relazione al contesto in cui viviamo. Se abitiamo in un condominio con tante famiglie, con magari più scale e una corsia box piuttosto trafficata, gli incidenti d’auto in spazi condominiali sono un’eventualità non così improbabile.

Homepage Blog

]]>
Case più verdi coi giardini verticalihttps://www.morelliamministrazioneimmobili.it/case-piu-verdi-coi-giardini-verticali/ Fri, 29 May 2020 17:29:21 +0000 https://www.morelliamministrazioneimmobili.it/?p=15151 Parliamo oggi di case più verdi coi giardini verticali e altre installazioni verdi, che permettono di migliorare l’aspetto, ma soprattutto la salubrità dell’ambiente domestico. Di quest’ultimo tema abbiamo parlato spesso, specie nell’ultimo periodo, con l’emergenza coronavirus e le limitazioni agli spostamenti che ci hanno costretto a trascorrere intere giornate a casa.

Proprio nell’articolo su come migliorare l’aria in casa coi materiali basso emissivi, abbiamo sottolineato come ciascuno di noi trascorra il 90% del tempo in ambienti chiusi, col rischio di sviluppare patologie respiratorie, che possono diventare anche croniche. Migliorare la qualità dell’aria all’interno delle nostre case è quindi un aspetto da non sottovalutare.

Vediamo, di seguito, alcune idee su come farlo strizzando anche l’occhio all’estetica e all’amore per il verde.

I vantaggi della scelta “green”

Rendere le case più verdi coi giardini verticali può comportare vantaggi sia dal punto di vista della salute, sia da quello estetico. Abbiamo trattato, proprio di recente, il tema dell’inquinamento domestico e dei purificatori d’aria. Ebbene, per un ambiente chiuso non c’è miglior purificatore d’aria delle piante e delle specie vegetali in genere.

Oltre alla nota capacità di trasformare l’anidride carbonica (CO2) in ossigeno, sono in grado di assorbire i temuti composti organici volatili, noti con l’acronimo inglese VOC. Curare la qualità dell’aria all’interno dell’ambiente domestico, del resto, è aspetto da non trascurare. Ci sono ormai evidenze scientifiche tali da associare l’insorgenza di disturbi e patologie croniche a carico soprattutto dell’apparato respiratorio in soggetti che trascorrono lungo tempo in ambienti insalubri.

La stessa OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) nel 1986 ha riconosciuto ufficialmente la cosiddetta Sindrome dell’Edificio Malato (nota con la sigla SBS, Sick Building Syndrome), stimando che già all’epoca il 30% degli edifici nel mondo presentava problemi di qualità dell’aria. E, come abbiamo visto, spesso non è nemmeno applicabile la soluzione più semplice, ovvero aprire le finestre per garantire un ricircolo.

In molte aree urbane, infatti, la qualità dell’aria esterna è tale da finire col peggiorare ulteriormente la situazione. Ecco perché introdurre delle specie vegetali in casa diventa una scelta utile dal punto di vista della salute. E, grazie alle tante varianti disponibili oggi, può essere anche un’occasione di integrare e impreziosire l’arredamento della casa, rendendo più gradevole anche l’impatto visivo dell’ambiente in cui viviamo. 

Pareti verticali e quadri verdi

Rendere case e uffici più salubri e, al contempo, più gradevoli: questo è lo scopo delle “soluzioni green” per ambienti interni. Tra le più gettonate ci sono, senza dubbio, le pareti verticali. Si tratta di intelaiature metalliche (solitamente alluminio) o plastiche su cui è installata una specie vegetale.

Come ad esempio il lichene stabilizzato, una specie tipica del nord Europa, trattata in modo da sostituire la sua linfa con una miscela d’acqua e glicerina, che le permette di vivere senza bisogno di alcuna manutenzione. Per la maggior parte delle altre specie, invece, la parete verticale include già un sistema di irrigazione nascosto alla vista e, in alcuni casi, anche una gestione automatica di cicli di fertilizzazione e di trattamenti antiparassitari. Nate soprattutto come rivestimenti da esterno, oggi esiste un’ampia gamma di installazioni concepite proprio per gli ambienti interni.

Altra interessante soluzione che strizza l’occhio al design sono i cosiddetti quadri verdi. Qui la vegetazione è integrata all’interno di una lastra, da appendere alla parete, che può essere di materiale vario: da lamiere in ferro ossidato naturalmente a combinazioni di minerali come quarzo e marmo. La parte vegetale diventa elemento di un disegno, che ha l’obiettivo di integrarsi con l’arredamento della casa, diventandone un valore aggiunto. Proprio come un quadro, appunto. I quadri verdi sono delle più svariate dimensioni: da pochi centimetri sino a più metri per lato.

Soddisfatto del tuo Amministratore di Condominio?

Valuta il suo modo di operare, richiedi una consulenza ti aiuteremo a capire eventuali irregolarità nella gestione.

Tetti verdi e facciata esterna

Ulteriori vantaggi possono derivare anche da installazioni verdi sulle parti esterne dell’edificio. A partire dalla facciata, che, se opportunamente rivestita da giardini verticali, può migliorare l’isolamento termico.

Questo si traduce sia nel prevenire i danni provocati dall’esposizione all’umidità, come la formazione di muffe, sia di aumentare l’efficienza energetica della casa. L’ambiente interno è, infatti, meno esposto ai fattori climatici, rallentando la dispersione di calore nei mesi invernali e mantenendo un ambiente più fresco in quelli estivi. Questo si traduce, ovviamente, anche in un risparmio dei consumi legati agli impianti di riscaldamento e di condizionamento.

Allo stesso modo, un’ottima soluzione è rappresentata anche dai tetti verdi”. Si tratta, di fatto, di giardini pensili, che possono essere estensivi o intensivi, a seconda del tipo di vegetazione messa a dimora e, di conseguenza, dello strato di terreno necessario a supportarla. Nel primo caso, si realizza uno strato di pochi centimetri, in genere dai 5 ai 12 cm, su cui vengono piantumati principalmente arbusti a piccolo fusto.

I giardini intensivi, invece, richiedono una base di terra dai 30 cm agli 80 cm e sono idonei a ospitare piante di più grandi dimensioni. Le tecniche di realizzazione dei tetti verdi sono evolute al punto da garantire non solo un perfetto isolamento senza rischi di infiltrazioni, ma da poter integrare anche sistemi di alimentazione fotovoltaica, che permettono di rendere autonomo l’impianto di irrigazione.

I tetti verdi rientrano, inoltre, in quel genere di interventi che beneficiano di bonus e incentivi, sia a livello governativo, sia spesso a livello locale, come proprio di recente abbiamo visto riguardo il Comune di Milano.

Naturalmente, nelle realtà condominiali, questo genere di iniziative vanno prima discusse e eventualmente approvate in sede di assemblea. Facciata condominiale e tetto rientrano, infatti, tra le parti comuni dell’edificio.

Tanti vantaggi per un utile investimento

Abbiamo dunque visto come rendere le case più verdi coi giardini verticali possa contribuire a migliorare la qualità della vita degli ambienti interni. Sia sotto il profilo della salubrità dell’aria che respiriamo, sia da quello dell’estetica.

Un ambiente più sano e al contempo più gradevole ci fa stare meglio, consente di migliorare l’efficienza energetica della casa, risparmiando sui costi in bolletta, può farci beneficiare di bonus e incentivi fiscali e, infine, può contribuire ad aumentare il valore commerciale dell’edificio o dell’appartamento in cui viviamo.

Tanti vantaggi per cui i costi da sostenere possono essere visti, a ragion veduta, come un utile investimento.

Homepage Blog

]]>
Ecobonus 2020 al 110%https://www.morelliamministrazioneimmobili.it/ecobonus-2020-al-110/ Fri, 22 May 2020 17:59:18 +0000 https://www.morelliamministrazioneimmobili.it/?p=15147 Quello degli ecobonus 2020 al 110% per le ristrutturazioni edilizie è un provvedimento di cui si parla da settimane ormai, ma che solo mercoledì 20 maggio, dopo la firma del Presidente della Repubblica, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Si tratta di uno dei provvedimenti straordinari varati in seguito all’emergenza coronavirus e alle gravi conseguenze prodotte sulla nostra economia. Vediamo di capire dunque in cosa consiste e chi può beneficiarne.

Detrazioni fino al 110%: la novità più attesa

Il governo italiano aveva già prorogato anche a tutto il 2020 molte delle agevolazioni fiscali contenute negli ecobonus 2019. Oggi torniamo sull’argomento, alla luce dei nuovi provvedimenti contenuti nel cosiddetto Decreto Rilancio. Il più atteso e interessante dei quali è certamente la possibilità di detrarre fino al 110% delle spese sostenute da luglio a dicembre 2020.

Quali sono gli interventi oggetto del bonus al 110%

Gli ecobonus 2020 al 110% riguardano principalmente tre tipologie di interventi:

  • Isolamento termico dell’edificio, con limite massimo di spesa di 60000 euro (in condominio, il limite è riferito a ogni singola unità immobiliare), per lavori che riguardino almeno il 25% della superficie d’intonaco;
  • Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale nelle parti comuni degli edifici (condomini o abitazioni bifamiliari), con limite massimo di spesa di 30000 euro per singola unità immobiliare. In questo caso è richiesto, inoltre, che il nuovo impianto sia di classe energetica dalla A in su o, in alternativa, che si tratti di un sistema a pompa di calore, geotermico o di microcogenerazione;
  • Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con sistemi ad alta efficienza energetica in unità immobiliari indipendenti adibite ad abitazione principale. Anche in questo caso, limite massimo di spesa fissato a 30.000 euro.

Il limite massimo di spesa è cumulabile, nel caso si effettuino contemporaneamente due tipologie degli interventi descritti sopra.

Ad esempio, per un condominio in cui si realizza il cappotto termico e contestualmente anche la sostituzione di un sistema di riscaldamento a gasolio con un impianto ad alta efficienza energetica, il tetto di spesa detraibile diventa di 90.000 euro (60mila per il cappotto termico + 30mila per il nuovo impianto di riscaldamento).

Nel tetto di spesa fissato per gli ecobonus al 110% si possono far rientrare anche altre opere di efficientamento energetico, in linea con quanto definito dall’articolo 14 del Decreto-Legge n. 63/2013, quali ad esempio la sostituzione degli infissi o l’installazione di schermature solari, solo se in abbinamento a una delle tre categorie di interventi descritti.

Sismabonus e seconde case

Gli ecobonus 2020 al 110% riguardano anche interventi di miglioramento della classe di rischio sismico dell’edificio. Ne avevamo già parlato in un articolo a proposito di Certificazione di Idoneità Statica (CIS), dove avevamo illustrato la possibilità di detrarre fino all’85% delle spese sostenute.

Ora, quindi, la possibilità di detrazione aumenta al 110%, eccezion fatta per le aree dove il rischio sismico ricade in fascia 4, ovvero quelle considerate a più basso rischio. Le detrazioni legate al miglioramento della classe di rischio sismico riguardano indistintamente immobili ad uso residenziale e non (quindi anche capannoni industriali) e non fa distinzione tra prima e seconda casa. Seconde case che, invece, restano escluse dalla detrazione al 110%, nel caso si tratti di unità immobiliari indipendenti.

Può interessarle, invece, quando si tratta di interventi che riguardano un contesti condominiali o bifamiliari. Se, ad esempio, si procede a una delle tipologie di intervento descritte sopra, come la coibentazione di una villa con due unità distinte, si ha diritto all’ecobonus al 110%, anche qualora nessuna delle due sia adibita ad abitazione principale.

Soddisfatto del tuo Amministratore di Condominio?

Valuta il suo modo di operare, richiedi una consulenza ti aiuteremo a capire eventuali irregolarità nella gestione.

In cosa consiste l’Ecobonus 2020 al 110%

L’agevolazione prevista dagli ecobonus 2020 al 110% consiste in una detrazione Irpef recuperabile attraverso la dichiarazione dei redditi dei cinque anni successivi al sostenimento della spesa. In alternativa, si può optare per uno sconto diretto in fattura da parte di chi realizza l’intervento, che potrà a sua volta recuperarlo sottoforma di credito d’imposta.

Il bonus al 110% riguarda tutte le spese sostenute tra l’1 luglio e il 31 dicembre 2020. Naturalmente per beneficiare delle agevolazioni fiscali previste è necessario che tutti i pagamenti risultino tracciabili e comprensivi dei dati di riferimento del destinatario.

In attesa dell’entrata in vigore

Va precisato che, nonostante la firma del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, perché le misure contenute nel Decreto Rilancio siano attuabili occorre attendere il termine dei sessanta giorni, che, come da prassi, sono a disposizione per eventuali discussioni e modifiche in sede parlamentare.

Trascorso quel termine, il decreto entra in vigore e resterebbe solo l’ultimo passaggio, con i trenta giorni in cui I’Agenzia delle Entrate può integrarlo con provvedimenti attuativi.

Homepage Blog

]]>
Contributo affitti Milano per emergenza Coronavirushttps://www.morelliamministrazioneimmobili.it/contributo-affitti-milano-per-emergenza-coronavirus/ Fri, 15 May 2020 17:07:01 +0000 https://www.morelliamministrazioneimmobili.it/?p=15143 Nell’articolo di oggi prendiamo spunto dall’iniziativa del Comune di Milano e del contributo affitti per emergenza coronavirus. Un’iniziativa che rientra tra le tante misure adottate da governo – come visto a proposito della sospensione dei mutui – e amministrazioni locali per venire incontro alle famiglie che stanno attraversando particolari momenti di difficoltà economica. Cerchiamo di capire, di seguito, come funziona e chi può beneficiarne.

Come funziona il contributo affitti del Comune di Milano

Il contributo affitti erogato dall’amministrazione comunale milanese consiste nel versamento diretto di quattro mensilità non corrisposte o ancora da corrispondere del canone di locazione. Chi presenta la domanda deve indicare le generalità del proprietario/creditore, che viene in prima battuta contattato dall’Agenzia Sociale per la Locazione Milano Abitare.

L’importo gli viene poi accreditato direttamente per conto del locatario (ovvero l’inquilino o il nucleo familiare che ha in locazione l’appartamento) che ne ha fatto e ottenuto richiesta. C’è un tetto massimo, fissato in 1500 euro. Quindi se l’ammontare di quattro mensilità supera questa soglia, la parte eccedente resta a carico del locatario stesso.

Chi ha diritto al contributo affitti?

Nonostante sia stato concepito come misura straordinaria, in seguito all’emergenza coronavirus, che ha creato problemi occupazionali con gravi conseguenze per la situazione economica di molte famiglie, il contributo affitti del Comune di Milano è rivolto a tutti i cittadini in difficoltà col pagamento del canone di locazione.

In particolare, è rivolto a chi soddisfa i seguenti requisiti:

  • Risultare cittadini milanesi, indipendentemente dalla nazionalità;
  • Essere intestatari di un contratto di locazione regolarmente registrato per un’unità abitativa destinata a residenza principale (non vale quindi per eventuali appartamenti affittati a uso seconda casa);
  • Non essere proprietari di altro immobile adeguato ad uso abitativo a Milano o in Lombardia;
  • Avere un ISEE non superiore a 26000 euro;
  • Risultare, alla data del 30 marzo 2020, residenti di un alloggio in locazione da almeno un anno;
  • Non essere sottoposti a procedure di rilascio dell’appartamento.

Quest’ultimo punto si riferisce, ad esempio, a chi ha già in atto procedimenti giudiziari dovuti a mancati pagamenti.

Soddisfatto del tuo Amministratore di Condominio?

Valuta il suo modo di operare, richiedi una consulenza ti aiuteremo a capire eventuali irregolarità nella gestione.

Contributo affitti Milano: come richiederlo?

Per accedere al contributo affitti erogato dal Comune di Milano, occorre compilare l’apposito modulo di richiesta on-line. Si tratta dell’unica modalità attraverso cui presentare la richiesta. Non è previsto un formato cartaceo o degli sportelli fisici dedicati.

Oltre alla compilazione del modulo, occorre allegare (in formato file .jpg o .pdf) anche la documentazione che attesti di possedere i requisiti descritti nel paragrafo precedente. C’è tempo fino a mercoledì 20 maggio 2020. Da sottolineare, infine, che può essere presentata una sola domanda per nucleo familiare.

Non solo Milano: le iniziative di sostegno al reddito in Lombardia

Le risorse stanziate dall’amministrazione comunale milanese ammontano a 2.456.000 euro, con possibilità di aumentarle sulla base delle deliberazioni regionali (DGR) n. 2974/2020 e n. 3008/2020. Il Comune di Milano non è nuovo a iniziative di sostegno ai cittadini che stanno attraversando momenti di particolare disagio, come di recente visto per la messa a disposizione di alloggi per affrontare la quarantena da coronavirus.

Ma anche altre amministrazioni comunali dell’hinterland si sono attivate in questo senso, come il comune di Sesto San Giovanni, ad esempio, che ha stanziato circa 600mila euro per sostenere i locatari con ISEE inferiore ai 26000 euro annui in difficoltà col pagamento del canone d’affitto.

O come la stessa Regione Lombardia, che ha sottoscritto un accordo con ALER per agevolare gli inquilini con fragilità economiche, tra cui il differimento al 30 giugno 2020 degli atti giudiziari per solleciti o morosità nei pagamenti del canone e l’anticipo dell’erogazione di eventuali conguagli a credito.

Homepage Blog

]]>